La lunga strada del Prosecco Superiore Docg: dal vigneto al bicchiere. Terza parte.

Il nostro Prosecco Superiore Docg è quasi pronto per essere degustato. Nell'ultimo articolo eravamo rimasti alla creazione della base. Adesso vedremo come da questa si arrivi al prodotto finito, quello il cui destino è deliziare il tuo palato. E, magari, sorprenderti. Partiamo!

L'importanza dello zucchero per la fermentazione

Prima di travasare il vino in autoclave, dove avverrà la celebre presa di spuma, si procede ad una seconda filtrazione della durata di 2/3 giorni. In questo lasso di tempo si prepara una miscela a base di lieviti selezionati, vino e zucchero allo scopo di “aiutare” i lieviti ad attivarsi prima di entrare in azione. Il composto è di importanza vitale: senza lo zucchero i lieviti non potrebbero liberare anidride carbonica e senza anidride carbonica non potremmo avere le bollicine.

A filtrazione ultimata la base viene trasferita nelle autoclavi dove avverrà la spumantizzazione (sinonimo di presa di spuma). Se il vino è una cuvée (ricordi? Ne abbiamo parlato qui) diverse basi provenienti da diversi vigneti verranno miscelate insieme all'interno della medesima autoclave per creare il vino desiderato, come nel caso del nostro Brut Docg. Se invece vorremo spumantizzare il Rive di Collabrigo Costa, l'Extra Brut, in autoclave travaseremo solo la base proveniente dal cru specifico.

Il metodo Charmat-Martinotti

Il famoso metodo Charmat-Martinotti, detta in modo un po' grossolano, non fa che simulare il processo di fermentazione che avviene in bottiglia nel metodo classico, o altrimenti detto champenoise. In uno Champagne il vino lavora in bottiglia. Sono necessari anni per arrivare ad ottenere quel perlage, e quei profumi, celebrati in tutto il mondo.

Con lo Charmat invece si riproduce lo stesso fenomeno (la creazione delle bollicine) in tempi molto più rapidi. È un metodo che si è rivelato perfetto per quegli spumanti che, date le caratteristiche del vitigno, non si prestano a lunghi invecchiamenti, ma vanno bevuti entro l'anno per preservare le caratteristiche semi aromatiche del vitigno.

Man mano che i lieviti trasformano gli zuccheri in anidride carbonica la pressione in autoclave sale. La questione fondamentale da capire è questa: poiché i lieviti “mangiano” quel tanto di zucchero che è necessario per raggiungere la pressione desiderata, la quantità inserita in autoclave non è mai casuale, ma risponde a determinati criteri chimico/fisici. Per gli spumanti la pressione viene portata normalmente a 5 bar, mentre per i frizzanti ne bastano 2,5.

A questa parte di zucchero, diciamo fissa, se ne aggiunge dell'altro che servirà a determinare il tipo di vino che faremo. Il Conegliano Valdobbiadene Docg ammette, da disciplinare, 4 tipologie di spumante che si distinguono per il residuo zuccherino (ossia la quantità di zucchero presente per litro) e che indicano una scala progressiva di morbidezza:

 

  • Extra-Brut (0-6 g/l)

  • Brut (7-12 g/l)
  • Extra Dry (12-17 g/l)
  • Dry (17-32 g/l).

 

Torniamo in autoclave. Quando il vino raggiunge la pressione di ca 5 bar la fermentazione va fermata altrimenti si arriverebbe a un “residuo zero”. Per fare ciò la temperatura viene abbassata per step successivi fino a raggiungere un livello inferiore ai 0°. La gradualità del processo ha l'ulteriore pregio di dare vita a delle bollicine molto fini e sottili.

Ma quanto dura la presa di spuma?

Non più di una decina di giorni, quel tanto cioè che permetta al produttore di estrarre tutto l'elemento aromatico dalla Glera che ritiene più consono alla sua concezione del vino. Concezione niente affatto scontata: pensiamo alle plurime interpretazioni di Prosecco Superiore Extra Dry realizzati da diversi produttori.

C'è chi, sempre nel rispetto delle caratteristiche del vitigno, esalterà i profumi più fruttati, chi l'aspetto floreale, chi la morbidezza (dosando le quantità di zucchero ammesse dal disciplinare). Questa varietà di approcci è la gioia dell'appassionato: a seconda del produttore avremo un vino diverso che incontrerà più o meno i nostri gusti e le nostre aspettative. È qui che la simbiosi produttore/terroir regala le massime soddisfazioni.

La stabilizzazione in autoclave

Dopo la fermentazione il vino resta in autoclave per almeno 2/3 settimane in attesa di essere imbottigliato. In questa fase, molto delicata, l'enologo torna in cattedra e controlla regolarmente il vino che, essendo materia viva, si comporta spesso in modo relativamente imprevedibile. Ci sarà il vino che maturerà prima, quello che lo farà dopo. Grande importanza, in questo contesto, rivestono le annate, ognuna con un suo preciso andamento climatico che può influenzare anche sensibilmente la qualità del prodotto finito.

Quando l'enologo, attraverso una serie di analisi incrociate di tipo chimico e sensoriale, ritiene che il carattere aromatico del vino abbia raggiunto il suo punto più alto (oltre il quale potrebbero comparire profumi terziari non adatti ad un Prosecco Superiore, che è vino da bere giovane) si procede ad una seconda filtrazione in ambiente isobarico, ossia completamente privo di ossigeno.

Questa la procedura: si riempie un'autoclave con dell'Argon, un gas inerte che non lascia spazio all'ossigeno, per evitare le ossidazioni che rovinerebbero il vino. Quindi dall'autoclave A si fa passare il vino nell'autoclave B, ricca di gas, e si procede alla filtrazione.

Imbottigliamento e etichettatura

A questo punto il vino è pronto per essere imbottigliato. Prima però bisogna aspettare il controllo della commissione disciplinare che valuta il prodotto secondo il regolamento della denominazione: se non vengono riscontrate inadempienze si procede con la certificazione e vengono rilasciate le Fascette di Stato.

Prima di finire in bottiglia, il vino viene lentamente portato a -2° e quindi, in condizione sempre isobarica, viene imbottigliato. Le bottiglie vengono poi collocate, in senso verticale, in un ambiente della cantina, a temperatura controllata, per almeno un mese; dopodiché si procede all'etichettatura. Adesso il vino è pronto per il suo trionfale ingresso nel mercato.

Una vera conclusione

Senza pretese di esaustività, abbiamo cercato di delineare l'iter produttivo che serve per realizzare un autentico Conegliano Valdobbiadene Docg. Ti sarai certamente reso conto della complessità del processo, di quanta dedizione sia necessaria per raggiungere quell'eccellenza che gli estimatori apprezzano in un grande Prosecco Superiore. Ogni fase è cruciale. Non ultima quella che ti appresti a fare: la degustazione.
Da parte di tutti noi: cin cin!

Leggi tutto...

Prosecco Superiore Sommariva Brut: carattere ed eleganza

Il carattere e l'eleganza del Prosecco Superiore Sommariva Brut sono l'anima di uno spumante
concepito nella terra, nato dal lavoro e cresciuto dall'esperienza.

Alcuni vini, forse più di altri, sanno rivelare la propria identità già dal primo sorso. Esibiscono il tratto di un'annata in una sfumatura di colore, offrono un assaggio di un fortunoso equilibrio della stagione in una punta di acidità più o meno smussata, nell'intensità dei profumi ed infine sanno svelare la paternità del territorio attraverso la densità del corpo, un'imperfezione oppure un tratto caratteristico inconfondibile.
Il nostro Prosecco Superiore Brut, dal carattere deciso e la sua naturale eleganza è un vino che sa raccontare di se stesso e del suo territorio a partire dall'aspetto che più lo identifica, la mineralità.

FIGLIO DI UN TERRENO FERRETTIZATO

Il Prosecco Superiore Sommariva Brut è figlio di un terreno ferrettizato, ossia un terreno ricco di minerali di ferro che oltre a conferire il caratteristico sentore minerale al vino determina la colorazione rossastra così identificativa di alcuni tratti del suolo del territorio di San Pietro di Feletto tanto da aver dato il nome alla collina sulla quale sorge la nostra cantina, Palazzo Rosso. Il terreno ferrettizzato altro non è che una formazione geologica nata dal fenomeno carsico dell'erosione delle acque fluviali che scorrendo nei secoli su questa parte di territorio ha lavato via dal terreno soprattutto le sostanze calcaree lasciando in evidenza solo quelle minerali.

I nostri vigneti affondano le radici in questi vasti banchi di terra rossa assorbendo microparticelle di minerali; i tratti del patrimonio genetico che si rinnovano ogni anno col processo di vegetazione della vite e la loro interazione con il microclima completa il fenomeno donando al Prosecco Superiore Sommariva Brut quella sfumatura odorosa di gesso e polvere che noi identifichiamo come mineralità.

È in questa terra così particolare quindi che la personalità del nostro vino viene concepita. Un sistema collinare eterogeneo e unico in cui l'antico scorrere delle acque ha modellato gole profonde e dolci altipiani, facendo emergere rocciose protuberanze e dando vita a rigogliosi boschi che creano fasce di microclima diverse in cui la vite risponde in maniera diversa. Sta solo all'esperienza dell'uomo cogliere i frutti e valorizzarli secondo i propri valori e la propria visione.

 

DALLA TERRA ALL'UOMO

Dalla terra all'uomo il cerchio si chiude. Se è vero che un vino nasce nella terra interagendo con i fattori naturali del luogo è anche vero che l'uomo ha il dovere di fare il possibile per creare i presupposti giusti affinché questo accada. Con il nostro lavoro accompagniamo alla nascita il nostro Prosecco Superiore Brut, con cura ad ogni annata. Nel tempo abbiamo scelto i cloni di Glera giusti per il suolo argilloso e morenico di questo altopiano, fertile e profondo; abbiamo individuato la giusta l'esposizione dei vigneti al sole in modo che ci fossero le ore di luce ed il calore necessario a far maturare le uve; abbiamo sperimentato i sistemi di allevamento in grado di contenere rese e vegetazione e che prevenissero o limitassero i danni delle gelate primaverili o dei venti troppo freddi. Il resto è un semplice osservare come la vite interagisce con tutto il sistema pedo-climatico di questa area, forgiando il proprio carattere naturalmente, intervenendo il meno possibile, dove possibile, nel precario equilibrio stagionale.

Dalla terra all'uomo attingiamo alle nostre esperienze per far nascere un Prosecco Superiore Brut dal carattere schietto e genuino. Una lavorazione attenta e rispettosa che impiega il giusto tempo per far crescere uno spumante dal colore brillante, dai profumi freschi e vibranti, dal corpo pieno ed armonico, un chiaroscuro espressivo che riscatta una personalità che svela la sua chiara origine territoriale.

 

 

Leggi tutto...

Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Brut

Il nostro Prosecco Superiore Brut è uno spumante Conegliano Valdobbiadene Docg
dal sapore genuino e carattere originale che regala gocce di bontà ad ogni sorso

Prosecco Superiore Brut

La versatile mineralità del Prosecco Superiore Brut marchiato Sommariva è un valore che si aggiunge alla qualità delle sue caratteristiche decise di gusto e profumo ed esalta elegantemente tutti i vostri abbinamenti. Il colore paglierino lucente increspato dalle finissime bollicine preannuncia la sensazione della pienezza del suo corpo in bocca ed è anche un elemento che identifica i vini prodotti nelle colline orientali della denominazione Conegliano Valdobbiadene Docg. La nota pungente minerale che smorza i profumi agrumati di pompelmo e lime, dei fiori di acacia e tiglio e la fragranza di crosta di pane è invece un tratto caratteristico dei suoli ricchi di minerali di ferro su cui coltiviamo la nostra Glera. Per il suo gusto pieno ed equilibrato ed il sapore in armonia con i ritorni delle note minerali il Prosecco Superiore Brut è un compagno versatile negli abbinamenti con piatti crudi e cotti a base di pesce e verdure, risotto ai funghi porcini, carni bianchi o classici antipasti all'italiana.

Lasciati coinvolgere dalla sua versatile mineralità

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Cosa stai cercando?

annuario migliori vini italiani 2021 Azienda Cantina Chef tre stelle Michelin Collagu' e lo spettacolo della natura colori e sapori di stagione da abbinare al Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Conegliano Prosecco Docg Conegliano Prosecco Docg Burt Conegliano Prosecco Docg Rive Conegliano tra Vino e Arte Conegliano Valdobbiadene Conegliano Valdobbiadene Docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Degustazioni in cantina Etichetta Il Rosa Frizzante Sommariva Il Rosa Il territorio luca maroni maturazione uve Mauro Colagreco migliori vini italiani migliori vini italiani luca maroni millesimo 2020 Perline Vino Bianco Privacy & Cookies Prosecco Brut Prosecco Docg Prosecco Docg Brut Prosecco Sommariva Brut Prosecco superiore Prosecco Superiore 2020 Prosecco Superiore Brut Prosecco Superiore docg Prosecco Superiore Dry Prosecco Superiore Rive di Collalbrigo Costa Prosecco Superiore Rive di San Michele Prosecco Superiore Sommariva Prosecco Superiore Sommariva Extra Brut Prosecco Superiore Sommariva Extra Dry qualità delle uve annata 2020 raccolta annata 2020 raccolta uve annata 2020 Rive di Collalbrigo Costa Extra Brut Rive di San Michele Rive Extra Brut Rive Extra Dry San Pietro e L'antica Pieve Sommarariva Prosecco Superiore Dry Sommariva Palazzo Rosso Sommariva Perline Vino Frizzante Sommariva Prosecco Doc Sommariva Prosecco Doc Extra Dry Sommariva Prosecco Docg Sommariva Prosecco Docg Brut Sommariva Prosecco Superiore Rive Sommariva Vini Sommariva Vini Docg Sommariva Vini Frizzanti Sostenibilità Spumante rosato brut Stelle Michelin Valdobbiadene Prosecco Docg Valore aggiunto Vendemmia vendemmia 2020 Vieni a conoscerci di persona Villa Cedri, il liberty tra le vigne di Valdobbiadene Vino Bianco Sommariva Visite in cantina